Caduta Capelli Chemioterapia

Caduta Capelli Chemioterapia

Caduta capelli e Chemioterapia sono due spiacevoli fattori che vanno di pari passo. L’inizio del trattamento di Chemio infatti segna il momento cruciale dell’inevitabile perdita dei propri capelli, a causa dello stress che la terapia infligge sul corpo umano.
Il terribile effetto collaterale della perdita dei capelli durerà per tutto il tempo del trattamento; una volta terminato il ciclo i capelli ricresceranno.

L’assenza di peli e capelli sul corpo dunque NON è permanente.

Perché Cadono i Capelli Durante la Chemio?

Perdere i capelli è l’effetto indesiderato maggiormente frequente quando si parla di chemioterapia e questo avviene poiché la terapia attacca con forza le cellule, che successivamente si scindono, senza far distinzione tra quelle cancerose e quelle del bulbo pilifero che comprendono ovviamente sia peli che capelli.

Nonostante l’alta probabilità di perdere i capelli durante il trattamento c’è anche da sottolineare che la rapidità con il quale accade dipenderà anche dalla dose di medicinali somministrati e dalla durata complessiva della terapia.

Quando si iniziano a perdere i capelli?

Di norma, la caduta incomincia intorno alle 3 settimane dopo l’inizio della chemio a cadenze più o meno intermittenti; infatti, in base alla quantità di dosi somministrate i capelli inizieranno a cadere rapidamente o più lentamente, a ciocche. Dopo l’inizio della caduta è possibile che si presentino degli sfoghi cutanei nelle zone interessate.

Come affrontare la caduta dei capelli?

 

Come prima cosa viene fortemente consigliato prendere le redini tagliando i capelli molto corti, così da alleggerire lo shock della perdita con una adeguata transizione.

casco refrigerante
Foto del casco refrigerante per chemioterapia.

A livello psicologico è più adatto optare per un taglio corto anticipando la perdita spontanea, così da farci sentire in qualche modo in controllo della situazione, per quanto poco sia possibile.

Vedi Anche  Micropigmentazione

Una delle opzioni più utilizzate per ritardare, limitare e combattere al meglio la spiacevole situazione è senza dubbio l’uso del casco refrigerante, un apposito strumento che viene applicato subito prima dell’inizio della terapia che agisce sul cuoio capelluto portandolo ad una temperatura tra i 3 ed i 5 gradi, preservando così al meglio il bulbo e il capello.

Questo metodo ha dimostrato la propria validità su molti pazienti, aiutando in ogni caso a ritardare il processo.

Qualora la vista dei capelli sul cuscino ogni mattina vi sia insopportabile è consigliato indossare un’apposita retina durante il sonno.