Tatuaggio capelli

tatuaggio capelli

Tatuaggio capelli: soluzione alla calvizie? 

La perdita dei capelli è un argomento che interessa principalmente gli uomini ma, seppur più raramente, anche le donne.
Questo evento, che può essere dovuto a fattori come stress, genetica o malattie, preoccupa sempre le persone (sia i ragazzi che gli adulti).
Tuttavia, per quanto si cerchino le più particolari metodologie per rallentare il fenomeno, spesso la caduta dei capelli è un avvenimento che non può essere evitato.
In realtà attualmente esistono dei trattamenti che permettono di eliminare, almeno in parte, la calvizie. Uno tra i più utilizzati è la tricopigmentazione.

Che cos’è la tricopigmentazione?

La tricopigmentazione è un trattamento che consiste nell’inserire dei pigmenti sul cuoio capelluto. Questo metodo è uguale a quello più noto come micropigmentazione, più frequentemente utilizzato per realizzare trucchi permanenti o sopracciglia finte.
La tricopigmentazione è simile a un tatuaggio ma i due processi si differenziano per alcune peculiarità. Come è noto a tutti, il tatuaggio è permanente e dura quindi per tutta la via, la tricopigmentazione è invece un processo reversibile. I pigmenti, in questo caso, vengono infatti inseriti in una parte più superficiale della cute e spariscono dopo circa due anni per via del processo di rigenerazione della pelle.
Per alcune persone questo potrebbe essere visto come un punto debole del trattamento ma per chi dovesse cambiare idea e volesse tornare allo stato “naturale” potrebbe risultare invece un lato positivo.
Un’ulteriore differenza tra tricopigmentazione e tatuaggio sta nel fatto che il secondo viene eseguito in poche ore (in funzione della difficoltà del disegno, dell’esperienza del tatuatore e della grandezza del tatuaggio) mentre per concludere un processo di micropigmentazione servono dai sei ai diciotto mesi.
Un’ultima differenziazione sta inoltre nel fatto che per effettuare i tatuaggi vengono utilizzati degli aghi sterilizzati volta per volta mentre i macchinari che si usano per fare la tricopigmentazione sono monouso e non hanno quindi necessità di essere trattati.

Tatuaggio capelli

Chi fa uso della tricopigmentazione?

Le persone che utilizzano più spesso questo trattamento sono i ragazzi e gli uomini che hanno perso i capelli ma anche alcune donne aventi i capelli radi.
Un ulteriore motivo per il quale si utilizza la tricopigmentazione è l’eliminazione del buco dato dalle cicatrici.
Per quanto riguarda gli uomini la soluzione preferita è quella dell’effetto rasato, meglio nota come punto pelo. Tale trattamento farà sembrare di essere rasati per scelta e non per via della calvizie. Le donne invece generalmente scelgono la tricopigmentazione per eliminare la cute in vista dovuta ai capelli troppo radi e fini.

La tricopigmentazione è un trattamento totalmente sicuro per la salute?

Questo trattamento è assolutamente sicuro per la salute per vari motivi.
Innanzitutto, come già precedentemente spiegato, i pigmenti vengono inseriti in una zona superficiale e quindi il corpo ha la possibilità di eliminarli con la rigenerazione cutanea.
Inoltre i macchinari utilizzati per effettuare il trattamento sono monouso e non si corrono rischi di malattie dovute a una mal riuscita sterilizzazione.

La tricopigmentazione è una soluzione alla perdita dei capelli?

La risposta a questa domanda non è facile, infatti questa cura è sicuramente una soluzione solo per i primi due anni dopo aver completato tutte le sedute.
Successivamente sta al singolo se scegliere di ripetere il trattamento, se accettare la propria calvizie o se scegliere una metodologia differente.