Protesi Capelli La Tua Schiavitù

Protesi Capelli: La Tua Schiavitù

Protesi capelli, la tua schiavitù più grande se soffri di diradamento, calvizie o alopecia.

Le protesi per capelli non sono altro che impianti capillari, studiati per combattere gli inestetismi di calvizie, diradamento e alopecia sia nelle donne che negli uomini.
I primi esperimenti di impianti per capelli, all’epoca conosciuti come parrucche risalgono a migliaia di anni fa, utilizzati dagli Egiziani ad esempio. Con il tempo e l’evoluzione della tecnologia in avanzamento, gli impianti capillari sono costantemente migliorati fino ad arrivare al giorno d’oggi:

le innovative protesi per capelli vengono realizzate interamente a mano e su misura, utilizzando materiali sicuri ed ipoallergenici.

Tipologie di Protesi Capillari

Quando, per necessità, si decide di optare per un impianto di protesi per capelli ci si trova di fronte alla scelta della base adatta sulla quale poggerà la nuova capigliatura.
Infatti, al contrario di quanto si possa credere, i tipi di protesi non variano in base al materiale con cui vengono realizzati i “capelli finti” bensì in base al tipo di materiale della base che applicheremo sul nostro capo.

Quali sono i materiali più gettonati?

  1. Polimeri – Skin Base
  2. Monofilamento – Mesh fabrics

 

impianto capillare
Foto di un impianto capillare.

L’opzione numero 1 prevede una base mista creata con silicone o poliuretano che dona un effetto estremamente simile al vero cuoio capelluto.
Il vero vantaggio del silicone risiede nell’elevata resistenza nel tempo che ha dimostrato di poter raggiungere, al contrario del poliuretano che risulta essere maggiormente sensibile alle sostanze prodotte dal corpo umano, con il quale è a stretto contatto.

La seconda scelta prevede l’utilizzo di nylon o poliestere, il quale vantaggio è l’effetto naturale che con gli altri non viene eguagliato. Il punto debole invece è la minore resistenza nel tempo.

Vedi Anche  Moda capelli estate 2019

Scegliere Protesi Capelli Conviene?

Il parere degli esperti considera il lato economico rispetto alla durata dell’applicazione che, essendo temporanea, costringe il soggetto a ripeterla molteplici volte raggiungendo cifre  di spesa a dir poco esorbitanti.
In conclusione è opportuno dire che l’utilizzo di protesi rende schiavi, non rappresentando una soluzione duratura nel tempo.