Forfora: che problema!

Forfora: che problema!

Forfora: che problema! Non si riesce mai a liberarsene del tutto. Oltre a dare l’idea di sporco (ma non è così) da sempre una sensazione di fastidio e prurito e si deposita sui vestiti causando disagio. Ma come si può fare per liberarsene definitivamente? Scopriamo prima di tutto da cosa è causata e i sintomi. poi è possibile trattarla con dei rimedi naturali.

Cos’è la forfora

La forfora è composta da detriti cellulari, cellule morte sparse sul cuoio capelluto. Si tratta di cellule vecchie che vengono spinte dagli strati bassi della pelle da cellule nuove. Arrivate in superficie queste cellule muoiono dando origine alla forfora. Non si tratta quindi di un grave problema, e spesso non è permanente, resta comunque il fatto che è molto antiestetica.

Cause della forfora

Forfora: che problema!Le cause della forfora posso essere svariate: stress, cute grassa, cuoio capelluto sensibile, malattie di tipo autoimmune, problemi di tipo ormonale e disfunzioni di tipo cardiaco. Molte volte è legata ai prodotti di igiene quotidiana che possono contenere sostanze troppo aggressive o allergizzanti e che causano un eccessiva produzione di sebo che porta la dermatite. Anche un igiene personale non corretta può causare la forfora.

L’igiene personale non è l’unica causa, infatti anche le intolleranze al cioccolato, ai latticini, alla frutta secca, ai crostacei o altri alimenti possono portare a questo fastidioso problema. Meglio evitare un consumo eccessivo di zuccheri, grassi e amido per evitare la forfora.

Ultimo ma non meno importante è il fattore ereditario, se in famiglia qualcuno ne soffre facilmente può esserci una predisposizione di tipo genetico.

I sintomi della forfora

La forfora si compone di scaglie biancastre ammassate tra loro spesso con una consistenza grassa che causano prurito e seccano la cute. Le si trova principalmente sulla parte alta della testa.

Vedi Anche  Dieta per capelli sani e forti

Esistono vari tipi di forfora.

Lieve: dovuta a un fungo di nome Malassenzia, nei casi in cui è molto prolifero da origine alla forfora.

Dermatite seborroica: forma leggermente più grave dovuta a un infiammazione della cute che a volte può estendersi a sopracciglia e orecchie, e nei casi più gravi anche alla pelle di guance, fronte e naso. La presenza di abbondante sebo causa la comparsa della forfora. Forfora: che problema!

Psoriasi: si tratta della forma più grave. La cute appare infiammata e c’è la presenza di molto prurito. Le scaglie di forfora sono piuttosto spesse e tende a tornare spesso.

Rimedi per la forfora

La prima cosa che viene in mente è sicuramente quella di lavare i capelli, ma non sempre è la cosa migliore. I lavaggi devono essere frequenti ma lo shampoo deve essere specifico, non aggressivo e neanche troppo delicato. Bisogna controllare bene l’etichetta e assicurarsi che non ci siano sostanze chimiche o alcol che possono peggiorare la situazione.

Gli ingredienti utili contro la forfora sono:

Zinco Piritione: antimicotico e antibatterico tiene sotto controllo il fungo che può portare alla dermatite seborroica.

Catrame di Carbone: serve a rallentare il ciclo di vita delle cellule.

Acido Salicilico: serve a fare uno scrub leggero del cuoio capelluto per rimuovere la forfora senza danneggiare la cute.

Solfuro di Selenio: serve a contrastare il Malassenzia.

Inoltre non bisogna usare troppi prodotti come spume modellanti, gel o lacca che irritano la cute peggiorando la situazione.

Meglio rivolgersi a degli esperti per un’analisi approfondita della cute che individui il problema. Una volta trovata la causa sapranno consigliare i prodotti più adatti e le eventuali attenzioni da seguire per liberarsi in modo definitivo della forfora.

Vedi Anche  Cura del capello: consigli dell'esperto